Il bon ton a tavola

Tempo di lettura stimato: 2 min

Quante volte la mamma vi ha detto “tira giù i gomiti dal tavolo che è segno di maleducazione”? Infinite! E ogni volta che vi sedevate a tavola dovevate concentrarvi a rimanere composti altrimenti chissà gli ospiti cosa avrebbero pensato. Imparare a comportarsi correttamente a tavola è stato uno scoglio che tutti abbiamo dovuto affrontare, ma alla fine basta rispettare alcune piccole regole e convenzioni.

L’educazione a tavola
per i più piccoli passa soprattutto attraverso l’esempio dei genitori, che devono impegnarsi in primis a rispettare alcune piccole regole di “bon ton”. Niente di impossibile, solo alcuni piccoli accorgimenti che con il tempo diventeranno totalmente naturali. 

  • Si mangia a tavola: non ci si alza dalla sedia prima della fine del pasto. Riunirsi intorno al tavolo è un momento per godersi la famiglia, gli amici e raccontarsi la giornata. Se i bimbi sono piccoli si può fare uno strappo alla regola, ma non si corre!
  • Le parole magiche: ricordatevi che grazie e per favore stanno bene con tutto, anche a tavola.  
  • Non si parla a bocca piena: una delle prime regole da imparare e non dimenticare mai. Si manda giù il boccone e poi via con le chiacchiere.
  • Niente tecnologia: smartphone e tablet non sono ben accetti a tavola, lasciateli in borsa e date spazio al confronto. In casa non accendete la tv, parlate, parlate, parlate!  
  • Attenzione a non sporcarsi: per evitare il rischio di una macchia (vestiti puntualmente appena usciti dalla lavatrice), mettete sulle gambe o al collo un foglio di carta da cucina Asciugoni Regina. 
  • Non giocare con le posate: maneggiatele con cura, potrebbero essere pericolose.

Il lavoro del genitore è il più impegnativo del mondo... anche a tavola! Aiutate i vostri giovani a trascorrere una piacevole esperienza, nonostante siano seduti a un tavolo e magari in compagnia di soli adulti. Intratteneteli con domande e racconti, dategli attenzioni anche se non vogliono mangiare, spiegategli come devono comportarsi e perché. Il modo migliore per insegnare qualcosa è farlo insieme.