#WorldEggDay

Pieni come un uovo? È proprio il caso di dirlo! Il 12 ottobre si celebra il World EggDay, la giornata mondiale dedicata a uno degli alimenti più sfruttati nelle cucine di tutto il mondo, dalla Francia alla Germania, dall’Inghilterra agli Stati Uniti, dalla Georgia alla Spagna. Basta pensare ad alcune colazioni tipiche, come uova strapazzate e bacon nei Paesi Anglosassoni, o salsiccia, uova fritte e cetrioli nel Nord Europa. In Alaska si inizia la giornata con salsicce di renna, pacakes e uova all’occhio di bue. Simile la tipica colazione polacca, conosciuta col nome di “jajecznica”: uova strapazzate coperte di fette di salsiccia (kielbasa), accompagnate da pancakes di patate. Non dobbiamo dimenticare alcuni piatti, più o meno conosciuti, in Europa e nel mondo. L’omelette francese, ad esempio, che si differenzia dalla frittata perché cotta in padella con il burro, ripiegando i due lati opposti verso il centro (in modo da mantenere un cuore caldo e cremoso). Le uova alla Benedict, must dei brunch targati Stati Uniti, spesso servite insieme a pancakes e uova strapazzate, ricoperte di salsa olandese. Il Khachapuri, la "pizza" georgiana a forma di barca farcita con formaggio, uova e burro. Non meno gustosi il filetto alla Bismarck tedesco (medaglioni di manzo ricoperti di uova fritte) e le tortilla de patatas spagnole, una sorta di “frittata” di uova e patate.

Ingrediente di base per preparare dolci e creme, ottime alla coque, sode e strapazzate, da sole o accompagnate con salse. Le uova sode ripiene, ad esempio, sono un piatto sfizioso, veloce da preparare, adatto a feste e ricevimenti: possono essere farcite con una salsa a base di fagiolini lessi tritati, filetti di acciuga, rosso d’uovo sodo e capperi, oppure con un mix di tonno, capperi e maionese.

In Italia questo alimento è legato ad alcune antiche tradizioni. Avete mai sentito parlare, ad esempio, dell’ovetto sbattuto con lo zucchero? Tipica “colazione della nonna”, un vero e proprio concentrato di energie. Oppure dell’abruzzese “pipidune e ove” (peperoni e uova)? O ancora, tipica del Centro Sud Italia, la “stracciatella in brodo”: una minestra contadina a base di invidia e cicoria, parmigiano e uova, arricchita con polpettine di macinato magro. Non dobbiamo dimenticare la frittata, piatto povero per eccellenza, o la pasta alla carbonara, una delle ricette più caratteristiche del nostro paese, tanto che, secondo alcune teorie, prenderebbe il nome dai boscaioli che si recavano sugli Appennini a fare carbone con la legna.

L’uovo è dunque un alimento dalle mille risorse, diffuso a livello capillare grazie al suo costo bassissimo. Sapevate, inoltre, che i suoi gusci possono essere riciclati?

Per celebrare l’Egg Day vogliamo proporvi una gustosissima ricetta: le uova strapazzate alla fontina, adatte sia come colazione che come secondo piatto.

Ingredienti

- 5 uova
- fontina (80 gr)
- burro q.b.
- sale q.b.
- pepe q.b.
 

Procedimento

Per prima cosa, grattugiate la fontina, poi sbattete le uova in un recipiente. Fate sciogliere il burro in una padella antiaderente, a fuoco basso, e versate le uova e strapazzate senza farle cuocere troppo. Unite formaggio sale e pepe. Mescolate aggiungendo, a piacere, fiocchetti di burro. Una volta che il composto risulta cremoso, spegnete il fuoco e servite in tavola, accompagnando le uova con fontina e pane integrale.