I piselli

Le varietà di piselli in tutto il mondo sono migliaia e tra quelle più diffuse in Italia ritroviamo nomi evocativi come Meraviglia d’Italia, Generoso, Tesedra e Senatore. 

I piselli rientrano nella famiglia dei legumi, possono essere consumati sia freschi sia secchi e hanno la peculiarità di essere estremamente versatili: ottimi in abbinamento a riso, orzo, farro e altri cereali, ma deliziosi anche in accompagnamento ai primi piatti e ai secondi sia di carne e che di pesce.

Rispetto ad altri legumi, i piselli risultano più digeribili e riescono ad accontentare anche i palati di chi si tiene alla larga dai fagioli (a causa di colite o meteorismo) grazie al ridotto contenuto di amido.

Nella stagione primaverile si possono trovare facilmente in commercio i piselli freschi, ricchi di sali minerali, vitamine, acqua e fibre utili per ristabilire l’equilibrio intestinale, ideali da consumare alla stregua di una verdura.

La variante ‘secca’ è invece l’ideale nelle cucine vegane e vegetariane perché molto ricco di proteine, sali minerali (tra cui ferro) e fibre.

Tra i benefici dei piselli, che effettivamente sono molto numerosi, elenchiamo i più curiosi: 

  • hanno un alto contenuto di fitoestrogeni, sostanze simili agli estrogeni femminili che li rendono molto validi per alleviare i fastidiosi sintomi della menopausa;
  • sono dei tonificanti naturali tanto da essere usati anche nella cosmesi, in particolare per le maschere;
  • tengono a bada colesterolo e glicemia;
  • sono alleati di cuore e circolazione e aiutano il sistema immunitario.

Proprio per queste validissime proprietà nutritive, si sconsiglia l’utilizzo della versione “in scatola”, che ne deteriora anche il sapore e potrebbe esporci a sostanze nocive come ad esempio il nichel (a seconda della composizione dei contenitori in cui sono inseriti). Meglio quindi scegliere quelli surgelati.

E infine una chicca prima di passare alla ricetta: da alcuni anni è in commercio un formato di pasta da cuocere a base di piselli, da utilizzare come alternativa proteica alla classica pasta a base di cereali.

TORTA PASQUALINA A BASE DI PISELLI

Ingredienti:
2 confezioni di pasta sfoglia (possibilmente rotonda), 400 ml di besciamella (pronta o da fare in casa), 800 g di piselli (freschi o surgelati), 1 scalogno, 120 g circa di prosciutto cotto a dadini, 5 uova sode, 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale e pepe, parmigiano grattugiato qb.

Procedimento: per preparare il ripieno fate soffriggere con l’olio evo lo scalogno tritato con il prosciutto cotto in un tegame o wok. Poi unite i piselli surgelati e aggiungete un bicchiere d’acqua tiepida. Salate, pepate e cuocete coprendo con un coperchio lasciato leggermente aperto per far uscire il vapore. Il fuoco non dovrà mai essere troppo alto e i piselli saranno pronti una volta si sarà asciugato il liquido sul fondo. 

Nel frattempo, potete cuocere le uova (7 minuti circa) facendole poi raffreddare per bene prima di eliminarne il guscio. Versate la besciamella e un po’ di parmigiano nella padella mescolando e iniziate quindi a comporre la Torta imburrando leggermente la tortiera e sistemando la prima sfoglia sul fondo. Versate circa la metà del ripieno di piselli, riponete le 5 uova, il restante ripieno e adagiate il secondo cerchio di pasta sfoglia. Spennellate eventualmente la torta con uovo sbattuto e un goccio di latte prima di infornarla a 180°C in modalità statica per circa 45 minuti. E Buon appetito!