Il pane

Tempo di lettura stimato: 3 min

Il pane è uno degli alimenti più consumati al mondo e ha la capacità di adattarsi a ogni situazione. È perfetto per accompagnare ricchi piatti di carne, pesce e verdure o semplicemente per fare la scarpetta. Mi raccomando fatela sempre, è un modo per dire che avete apprezzato il piatto! 

E poi la fetta di pane, il classico di ogni pasto: imburrata con la marmellata per la colazione, condita con olio e sale per un tappabuchi prima o dopo il pranzo, farcita in ogni modo per un aperitivo gustoso e genuino, ma anche da sola con il suo semplice sapore di pane. Un alimento povero che arricchisce la tavola. 

La storia del pane ha origini antichissime che risalgono addirittura al periodo della scoperta dell’agricoltura, quando alcune comunità si stanziarono nella mezza luna fertile e iniziarono a coltivare i cereali. Per molto tempo l’unico pane conosciuto dall’umanità è stato quello azzimo, ovvero senza lievito, preparato con farina integrale e acqua. Durante la settimana pasquale gli ebrei celebrano la liberazione del popolo israelita dall’Egitto mangiando, come da tradizione, il pane azzimo.

Paese che vai, pane che trovi. Dalla michetta italiana alla baguette francese, dalla pita greca al pane arabo ognuno contribuisce a costruire il grande mondo di pane. Gusto, tradizioni e leggende si mescolano per dare vita a inaspettate combinazioni. Il Ruisreikaleipa è un pane finlandese dalla particolare forma a ciambella che serve per appendere il pane al soffitto e conservarlo più a lungo. In Portogallo si prepara il Broa de milho, una pagnotta rustica con farina di mais, grano bianco e lievito madre, mentre i Mantou sono panini cinesi da cuocere al vapore, che si possono riempire di carne diventando dei gustosi Baozi

In Polonia il pane ha un valore quasi religioso. Nell’antichità veniva utilizzato per i riti pagani, mentre oggi è diventato parte della tradizione culturale del Paese. Gli ospiti vengono accolti in casa con un piatto di pane e sale, mentre per il matrimonio, i genitori degli sposi li omaggiano con una pagnotta “benedetta”: un segno a forma di croce sulla parte superiore e del sale a parte. Si crede che sia propiziatorio e di buon augurio.

Nella città tedesca di Ulm si trova un museo interamente dedicato al pane, dove conoscere la sua storia, il valore sociale e culturale e scoprire come sono cambiati i metodi di panificazione nel corso degli anni. Nei Paesi dell’Est Europa è tipico l’Ulmer Brot, un popolare pane dolce che piace proprio a tutti.

Guinness World Record? Si, la pagnotta più grande del mondo è lunga oltre un chilometro ed è stata impastata in Italia, precisamente a Ragusa. Per questo pane da record è stata usata 1.300 kg di farina e poi condita con 150 litri di olio, 40 kg di formaggio, 2 kg di origano e 17 di sale. 

E il 16 ottobre 2019 “Buon Compleanno Pane”! Celebriamo insieme il World Bread Day, la giornata dedicata all’alimento che ci accompagna in ogni nostro momento e lo riempie di gioia.