Pasta corta o pasta lunga?

Tempo di lettura stimato: 2 min


La pasta è il simbolo per eccellenza del Made in Italy, il piatto che tradizionalmente riempie le tavole domenicali delle famiglie italiane e da sempre mette tutti d’accordo, che sia fresca, di grano duro, integrale o di legumi. Ma il dilemma vero è: lunga o corta? Ad ogni formato il suo sugo. La scelta, infatti, non è solo una questione di gusti, ma di abbinamenti. Se siete in dubbio, tenete sempre a mente che “all’aumentare della dimensione e dello spessore della pasta, aumenta anche la complessità del condimento”. 

Gli spaghetti si sposano perfettamente con sughi casalinghi: al pomodoro, al pesto, al tonno e a mezzanotte sono perfetti con aglio, olio e peperoncino. Tagliatelle e fettuccine, invece, sono adatte per condimenti prettamente autunnali, ricchi e corposi come i ragù di cacciagione, i funghi, le noci e i formaggi filanti. 

Dall’altro schieramento, la pasta corta rigata predilige sughi densi, rugosi e sostanziosi, mentre la pasta liscia si abbina bene con panna e uova. Le farfalle sono perfette per sughi corposi ai formaggi, i fusilli si sposano con sughi leggeri e le penne vanno d’accordo con condimenti asciutti. E per scaldarsi con la pasta in brodo? Pipette e sedanini!

La pasta è sempre la pasta!