Pesche o Albicocche?

Tempo di lettura stimato: 2 min

 

Il colore dell’estate? il giallo in tutte le sue sfumature, nei toni più accesi e in quelli più caldi e aranciati, quelli che riscaldano due dei nostri frutti preferiti: pesche e albicocche. Nessuno aveva detto che sarebbe stato semplice scegliere quale sarà il vincitore della SfidAsciugoni di questo mese!

La pesca è il frutto dell’albero di pesco, originario della Cina. Dall’Oriente raggiunse la Persia, da cui deriva il nome del frutto, e dalla Persia l’Europa. La polpa dolcissima, carnosa e profumata le rende un classico della bella stagione. Anche perché le pesche sono ricche di antiossidanti, vitamine (A, B, C e K) E di potassio.

L’albicocca ha molto cose in comune con la pesca. Appartengono entrambe al genere prunus,  ed anche l’albicocca viene dalla Cina. È sulle nostre tavole da più di 5000 anni di storia, e dall’Asia, passando per l’Armenia, si diffuse in Europa. La sua coltivazione nel bacino del Mediterraneo fu però consolidata dagli arabi, che le trovarono il nuovo nome di “al-barquq”, da cui albicocca.
È ricca di vitamina B, C , PP, e vitamina A. Due etti di albicocche forniscono il 100% del fabbisogno giornaliero di vitamina A di un adulto. Aggiungeteci che sono ricche di magnesio, fosforo, ferro e calcio, e otterrete un concentrato di salute.

Insomma, è questione di gusti, e ha decidere è il palato. E voi, cosa preferite?