Per l’ambiente: posate edibili

Nel mese di maggio (precisamente il 18 maggio) ricorre il No Dirty Dishes Day, una giornata che celebra l’opportunità di mangiare senza sporcare piatti, bicchieri e posate, approfittando per una cena in compagnia al ristorante o meglio ancora per un barbecue a casa (celebrando quindi anche l’Hamburger Day), di stoviglie e tovaglioli di carta.
Una data che ci offre il pretesto di raccontare una bella storia, che arriva da lontano. 
Con un claim che è tutto un programma “Eat with it and then eat it” (ovvero usalo per mangiare e poi mangiatelo) l’azienda Bakeys, specializzata nella produzione di posate edibili, ha proposto questo nuovo modo di fare la tavola! Il suo fondatore, Mr Narayana Peesapaty ha cominciato a riflettere su questo potenziale prodotto dopo aver letto che in India ogni anno finiscono nella spazzatura ben 120 milioni di posate di plastica, con un impatto sull’ambiente davvero devastante. Un ambiente che andrebbe via via sempre più protetto e salvaguardato e che invece rappresenta una delle aree più inquinate del mondo a causa dello sviluppo industriale, spesso fuori controllo, e dei livelli del traffico davvero inconcepibili. 

Diventa quindi indispensabile ripensare allo sviluppo economico del paese puntando su sistemi e risorse sostenibili, proprio come nel caso delle posate edibili di Bakeys, il cui principale ingrediente è il sorgo, uno dei cereali più antichi, noto per la capacità di adattarsi anche a terreni e condizioni climatiche difficili. Dotato di proprietà nutritive molto elevate, il sorgo presente nelle posate, insieme a piccole quantità di riso e grano, potrebbe diventare anche un alimento in grado di sfamare. 
Con un milione e mezzo di pezzi venduti in 6 anni, Bakeys Edible Cutlery rappresenta un esempio virtuoso di imprenditoria responsabile e sostenibile non solo verso l’ambiente ma anche verso gli esseri umani più in difficoltà.

Attualmente in commercio si possono acquistare posate edibili dai gusti di zucchero, pepe nero, cumino, menta, aglio, zenzero e cannella. 
Viene da sé che per mescolare caffè e tè si potrebbero usare i cucchiaini al sapore di zucchero andando a sostituire anche i biscotti, poiché queste posate sono persino in grado di mantenere un ottimo livello di croccantezza!
Buon appetito!