Làngos (focaccia calda ungherese)

Da molti considerato il più popolare street food dell'Europa centro orientale, il Làngos, è uno squisito tripudio di sapore e di calorie. Si tratta in sintesi di una pizza fritta, dalle dimensioni più grandi e dal condimento più abbondante

Tradizionalmente il Làngos andrebbe cotto nella brace (tanto che Làng etimologicamente significa “fuoco”) anche se oggi di fatto questa focaccia viene fritta direttamente in olio caldo.

Tra i condimenti più diffusi (da distribuire quando la focaccia è ancora molto calda): panna acida e formaggio, Kolbasz  (la tipica salsiccia ungherese, molto aromatizzata), verdure (tra cui dominano le cipolle) e acciughe. 

In Ungheria l’impasto è steso rigorosamente a mano in modo che il tejfol (panna acida all’aglio) e il gouda (formaggio), vadano a insinuarsi nelle fossette formate dalla pressione delle dita. 

Originariamente il Làngos era realizzato durante le diverse fasi della panificazione, utilizzando un pezzo dell’impasto lievitato, che veniva poi schiacciato e cotto accanto alla brace. La sua nascita si fa risalire al XVI secolo, epoca della dominazione turca sull’Europa dell’Est. 

Ingredienti per 8 Làngos: 500 g farina 00, 10 g lievito di birra, 250 ml acqua tiepida, sale, 30 g olio evo, 1 spicchio d’aglio, 300 ml panna acida o yogurt, 300 g formaggio gouda, 3 l olio per frittura.

Procedimento
: sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, unite la farina e iniziate a impastare. Versate a filo l’olio evo e salate l’impasto, continuando a impastare fino a quando il composto risulterà omogeneo. Coprite l’impasto con un panno umido e lasciate lievitare per una notte. Nel frattempo, unite in una ciotola la panna acida e lo spicchio d’aglio riponendola in frigorifero affinché i sapori si mescolino.

Il giorno seguente, togliete la panna acida dal frigo e grattugiate il gouda. 

Utilizzando una padella dai bordi alti, fate scaldare l’olio per friggere, poi prendete l’impasto e dividetelo in 8 palline appiattendo con le mani l’impasto creando incavature con le dite sulla superficie. Quando l’olio raggiungerà la temperatura di circa 180°, friggete i composti per poi scolarle su alcuni fogli di carta da cucina. Condite le focacce ancora calde con un cucchiaio di panna acida e due di formaggio grattugiato. Da mangiare scottandosi le dita!