Igiene in cucina

Tempo di lettura stimato: 3 min

Sappiamo bene che il binomio igiene e salute è fondamentale, e occuparsi della corretta igiene in cucina fa parte della nostra routine quotidiana. Impegno e buona volontà purtroppo non bastano quando si ha a che fare con comportamenti e abitudine che, a nostra insaputa, possono essere tutto fuorché igienici! 

Ecco perché è importante sfatare i falsi miti su igiene e pulizia in cucina e tirarsi su le maniche per fare scelte davvero “pulite!”

Avete cucinato qualcosa di buono per cena, lo avete assaporato in compagnia di famiglia o amici, e ora è (l’odiato? dite la verità) momento di lavare i piatti. A volte decidiamo di non lavare tutte le stoviglie, ad esempio quella ciotolina dove abbiamo servito la frutta appena lavata va davvero strofinata? 

La risposta è: assolutamente sì! Ma l’errore più comune è lasciare che le stoviglie insaponate e risciacquate stiano a sgocciolare accanto all’acquaio. Una volta lavati con acqua bollente, asciugate subito le stoviglie!

Se vi avanza del cibo, buona norma è conservarlo separato dagli altri alimenti ancora crudi. Così se la domenica vi portate avanti a cucinare i pasti per il resto della settimana, tenete tutto sigillato in contenitori ermetici, e ricordatevi di non posizionarli ancora tiepidi nel frigorifero. Introdurre qualcosa di caldo infatti altera la temperatura interna del frigorifero, compromettendo lo stato di cibi che necessitano di una bassa temperatura costante per essere conservati al meglio, come carne e pesce.

Quando cuocete al microonde, ricordate di utilizzare una temperatura minima di 70 gradi se lo utilizzate per cuocere la carne. Si può cucinare con il microonde, a patto che usiate gli appositi contenitori per questo tipo di cottura e che il forno sia dotato di un piatto girevole per garantirne una cottura uniforme. Sì alle temperature sopra ai 70 gradi, limite necessario per uccidere i batteri!

Ora veniamo al frigorifero: ogni quanto igienizzate i vari scomparti? 

Una pulizia costante è fondamentale, e non è necessario usare detergenti aggressivi, basterà una passata con un foglio di carta da cucina Regina Wish  imbevuto di aceto, ed eviterete che i vani del frigorifero si trasformino in colonie di batteri. E siccome prevenire è comunque meglio che curare, lavate sempre frutta e verdura asciugandola accuratamente prima di riporla nell’apposito scomparto! 

A questo proposito, sappiate che le vaschette di plastica che acquistate al supermercato contengono un sacco di germi e batteri provenienti dai camion di trasporto e dagli stessi banchi. Buttateli nella raccolta differenziata e trasferite il cibo nei vostri contenitori ermetici. Ultimo ma non ultimo, utilizzate gli stessi scomparti per la medesima tipologia di alimenti. La frutta e la verdura nei cassetti separati, carni, formaggi e salumi sui ripiani.

E i surgelati? Anche il freezer ha le sue regole d’igiene! Scoprile qui, e se ti sei chiesto più volte se è il caso di scongelare i cibi prima di cucinarli, ecco la risposta!